View in browser
7 consigli per la didascalia di Instagram

Ciao ,

come stai?

Prima di entrare nell’argomento di oggi, ossia come comporre una descrizione perfetta per le tue foto Instagram, lascia che ti annunci una novità.

Divertiamoci coi social: i miei video sul social media marketing

Durante questo lockdown, ho fatto tantissime ore di docenza in video, un video tutorial e recentemente 3 webinar oltre a tantissime video call con clienti e “video aperitivi” con gli amici.

Tutto ciò mi ha fatto prendere confidenza con la videocamera e tirare fuori dal cassetto un vecchio progetto: “Divertiamoci coi social” una serie di video sul mondo dei social network.

Domenica è andata online la prima puntata dedicata alla PESSIMA abitudine di invitare TUTTI gli amici a diventare fan di una pagina.

La puoi trovare su FacebookYouTube e sulle IGTV di Instagram.

Se vuoi sapere perché giudico PESSIMA questa abitudine, clicca su uno dei link precedenti ;)

La didascalia di Instagram

Oggi abbandoniamo il mondo delle Ads di Facebook per parlare un po’ di Instagram. Specificatamente di un argomento che viene in genere trattato poco: la caption, la descrizione, la didascalia…insomma il testo che accompagna l’immagine.

Anche quella è molto importante sai?

Anzi, se è vero che è l’immagine o il video a far sì che le persone si soffermino su quel che hai pubblicato, è poi il testo a far sì che lascino un commento, la condividano nelle storie o con qualcuno o la salvino nell’archivio privato…quindi:

Cura la descrizione di ogni tua foto e non buttare le prime parole che ti vengono in mente; pensala, ragionaci, correggila. Proprio come se fosse un articolo di giornale o del tuo blog.

1) Scrivi una riga molto accattivante

Una prima riga ben scritta dovrebbe attirare l’attenzione e indurre le persone a fare tap sul “leggi di più”.

2) Fai leva sulle emozioni

volta catturata l’attenzione dei tuoi follower, fai in modo che possano in qualche modo identificarsi con quello che hai scritto. Se hai partecipato ad uno dei miei corsi, saprai che quando scrivi un post, questo dev’essere sempre “dedicato” ad almeno una delle tue buyer persona, in modo tale che almeno una parte del tuo target possa interagire, commentando o condividendo il post magari dicendo “Ehi, sta parlando di me!!!”


3) Fai domande

Le domande sono sempre il modo migliore per creare interazione e intrecciare una relazione. Al punto che Instagram ha creato uno sticker ad hoc…ecco. Usalo. Sfruttalo. Abusane.

Vuoi qualche spunto?

  • Chiedi un’opinione su un tuo prodotto/servizio;
  • Crea un semplice sondaggio in cui le persone devono rispondere sì o no o scegliere tra due alternative;
  • Fai scegliere attraverso una serie di opzioni;
  • Chiedi ai tuoi follower di indovinare attraverso una serie di opzioni;

Quando uscì lo sticker Quiz per le storie, suggerii una serie di mini quiz per la tua azienda, puoi usare quelle idee per le tue storie o anche per i post del feed.

C’è anche chi non ha avuto paura a creare un post del feed con una chiara domanda proprio scritta nell’immagine

A questo link puoi vedere quanti commenti ha generato!

4) Aggiungi gli hashtag giusti

I post con gli hashtag hanno più interazioni di quelli senza: il motivo è che raggiungono più persone. Ovviamente gli hashtag devono essere coerenti con la foto e con la domanda che poni.


Su come scegliere gli hashtag piĂą giusti puoi leggere questo post

5) Non dimenticare la Call To Action
A noi sembra scontato che una determinata didascalia debba generare dei commenti, soprattutto tra le persone che hanno messo il like, ma a volte hanno bisogno di una piccola spinta per farlo mentre altre non colgono che vogliamo proprio che commentino, per cui, DILLO CHIARAMENTE!

Magari invitando a raccontare un episodio particolare o, meglio ancora, a taggare un amico.

6) Prediligi caption lunghe
Instagram permette di scrivere didascalie da 2.200 caratteri complessivi (spazi inclusi): dà in pratica la possibilità di dire un sacco di cose all’interno di una singola “foto”.

Sfrutta quanto più possibile questo “spazio” scrivendo caption lunghe perché “piace un sacco all’algoritmo” per tanti motivi:

  • Per leggere una caption lunga una persona deve soffermarsi sul post. L’algoritmo di Instagram  lo interpreterĂ  come segno di interesse verso la foto e quindi verso di te
  • Una caption lunga, ti permette di sfruttare le tecniche di storytelling e quindi di coinvolgere meglio i tuoi follower
  • Una lunga descrizione premette di fare una call to action piĂą efficace

Vuoi un esempio?
Guarda i post della @dietista.camillabendinelli sembrano articoli di un blog, vero? E guarda quanti commenti generano le sue foto!

7) Occhio all’impaginazione!
Se scrivi caption lunghe però, devi stare attento che Instagram non pubblichi un “muro di testo”.

Affinché sia leggibile c’è bisogno che un testo sia “impaginato” con rientri, righe vuote, elenchi.
Purtroppo ogni tanto Instagram fa le bizze e, facendo copia e incolla, non sempre mantiene l’impaginazione che impostato sul Word o sulle note del cellulare.

Pare che stia introducendo questa funzione proprio in questi giorni: nel frattempo io uso Planoly che mantiene alla perfezione tutti gli “a capo” e le righe vuote che ho stabilito su Word.

8) Per concludere: il metodo AIDA
Da conterraneo di Giuseppe Verdi, seguo il metodo AIDA per comporre le mie didascalie su Instagram, ossia seguo lo schema: Attenzione, Interesse, Desiderio, Azione.

Svaghiamoci un pò’: The Bing Bang Theory

Finora ti ho consigliato un libro e poi un film. Adesso ti consiglio invece una serie tv: The Big Bang Theory, la divertentissima sit-com che narra le vicende di 4 “Ph. D.” (in realtà i dottori sono 3, ma il 4° è pur sempre un ingegnere proveniente dall’M.i.t.) della California Institute of Technology (Cal Tech) alle prese con la vita tra fumetti, video giochi, esperimenti e imbarazzanti avventure con le ragazze… insomma: con la vita da nerd.

Se l’hai già vista, il titolo “Divertiamoci coi social” ti sarà suonato familiare…se non l’hai vista, fa’ subito un abbonamento a Infinity e preparati a morire dal ridere: la trovi qui

Ti è piaciuta questa newsletter? Inviala ad un amico!
Le ultime dal blog
Facebook Ads: 6 errori da evitare per non sprecare i tuoi soldi

Le Facebook Ads sono uno strumento molto potente per promuovere la tua attivitĂ  a patto […] L'articolo Facebook Ads: 6 errori da evitare per non sprecare i tuoi soldi è stato pubblicato originariamente su Davide Morante .

Leggi di piĂą
Il link in bio di Instagram: 6 modi per sfruttarlo al meglio

Il link in bio di Instagram è un bene prezioso visto che è l’unico link […] L'articolo Il link in bio di Instagram: 6 modi per sfruttarlo al meglio è stato pubblicato originariamente su Davide Morante .

Leggi di piĂą
Le linee guida social per i tuoi dipendenti

Avere delle linee guida social ben definite per i tuoi dipendenti/colleghi è importante sia per […]

L'articolo Le linee guida social per i tuoi dipendenti è stato pubblicato originariamente su Davide Morante .

Leggi di piĂą
Alla prossima,
Davide Morante

strada Montanara 21, Parma
Italy

facebook instagram linkedin

Hai ricevuto questa email perchĂ© ti sei liberamente registrato attraverso i form presenti sul mio sito Web. Se ti vuoi cancellare da questa lista clicca qui sotto 

Voglio cancellarmi
MailerLite